martedì 30 maggio 2017

Sfoglia dolce con ciliege e confettura

Un dolcino da fare velocemente con qualsiasi tipo di frutta è questo che vi mostro con ciliege e pasta sfoglia.




SFOGLIA DOLCE CON CILIEGIE E CONFETTURA


1 confezione di pasta sfoglia
250g di ciliege
Confettura di frutti di bosco
Zucchero a velo


Stendere la pasta sfoglia in una teglia da forno, su carta forno.
Spennellare la pasta sfoglia con confettura di frutti di bosco.
Appoggiare sulla confettura le ciliege, lavate e se volete senza nocciolo, ma anche se lo lasciate, non sarà fastidioso nella ciliegia cotta.


Mettere in forno a 180 gradi per 15 minuti in forno ventilato!


Facile e veloce, ma buonissimo!
Tanta dolcezza, dalla vostra nonna Pat❤

domenica 28 maggio 2017

L'AMICIZIA ATTRAVERSO I PERIODI DELLA VITA!!

Domani Fb riproporrà un post che ho scritto l'anno scorso "CHE BELLE LE MIE AMICHE ",un post che ho riletto con tanto affetto, perchè mi ha portato alla mente i bellissimi commenti che avete fatto !!
Rileggendolo, mi è venuto da pensare come cambia l'amicizia attraverso i periodi della vita,forse non è così per tutti , ma per me è cambiato molto il modo ed il tempo da dedicare alle amicizie, molto dipende ,che nonostante la mia età, lavoro sempre e le amiche adesso sono loro che mi vengono a trovare a negozio e meno male altrimenti non vedrei più nessuna.
Ci sono amicizie bellissime che rimangono per sempre anche se non iniziate in tenera età ,qui abbiamo l'esempio di Mariella, Daniela e Gabriella , 3 anime in un nocciolo da quando avevano bimbi piccoli.❤❤❤
Ci sono le amicizie che rimangono fin dall'infanzia e quelle che si perdono per strada, perchè non  supportate da affetto od interessi comuni.
L'amicizia è un sentimento prezioso, ma va alimentata e curata come una pianta in crescita, per non farla appassire e non in tutti i periodi della vita si ha il " pollice verde" !



Stamattina, mentre andavo a fare la spesa, mi sono soffermata a guardare tanti uomini davanti ad un bar, pensionati, persone ormai arrivati molto in là con la vita, che ogni giorno si incontrano e ancora come da ragazzi hanno fatto "La compagnia" , parlano di calcio, di politica , di donne sicuramente come facevano quando avevano 18 anni....perchè gli uomini rimangono degli eterni ragazzi !
Per molti di loro stare con gli amici è una necessità per giocare, giocare come facevano da giovani , per illudersi che tutto sia come prima.
Io sono stata una grande amicona fin da piccola, ho continuato a frequentare tante care amiche per tutta la vita, anche io avevo la "Compagnia" da ragazzina.
Gli anni  in cui i figli erano piccoli o adolescenti, avevamo sempre amici a casa, cene, festicciole, scampagnate, sempre sempre in compagnia.
Poi dopo aver riempito la vita, di telefonate, viaggi con gli amici, cene fuori il sabato sera, vacanze tutti in gruppo...all'improvviso abbiamo sentito la voglia di stare soli io e mio marito!
Ogni tanto  vedere qualcuno ci fa piacere, ma quanto ci piace adesso stare soli, fare quello che ci pare,senza impegni senza orari già fissati, soli noi 2 a leggere ,a non far niente , ma noi 2.
La famiglia i figli , le nipoti, il negozio sono il fulcro della nostra vita attuale che ci riempie le giornate , le settimane  senza a volte accorgersi che il tempo passa con una velocità pazzesca.
Per me oggi la vita è "OTTIMIZZARE"...cioè dare delle priorita!
Da giovane mettevamo gli amici tra i primi posti,oggi che questi posti sono stati presi dalla grande famiglia che è cresciuta, mi trovo a passare mesi senza interagire con amici che rimangono cari, pur non vedendoli più come prima.

Fortunatamente Fb, mi ha dato la gioia di trovare in rete VOI amiche carissime, che trovo appena accendo il pc, che mi date il buongiorno o la buonanotte, che fate commenti affettuosi alle mie ricette ed alle foto di famiglia che puibblico!!!
Ci scambiamo, consigli, ricette, racconti di vita vissuta e quotidiana.
Voi mi avete dato la possibilita di Ottimizzare ..l'amicizia con la comodita'di trovarsi quando possiamo a qualsiasi ora del giorno e della notte..senza stress , facendosi teneramente compagnia❤
FORTUNATAMENTE CI SIETE ....altrimenti sarei diventata una  misantropa ,forse anche noiosa....e non sarei diventata la vostra nonna Pat ah ah

GRAZIEEEEEE!!!!!! Vi abbraccio forte ad una ad una !!
...e voi come vivete l'amicizia in questo periodo della vostra vita?

Dite la vostra che ho detto la mia!

sabato 27 maggio 2017

CRESPELLE ALLA FIORENTINA


Se il babbo voleva far contenta la nonna Beppina, le diceva:
"Beppina me le farebbe 2 crespelline come sa fare Lei?"

Lei faceva un pò la sdegnosa per non dargli subito soddisfazione, poi rispondeva:
"Va bene, così poi con l'impasto di spinaci e ricotta, stasera faccio gli " Gnudi "alla bambina (cioè io!)  A Lei non piacciono gli gnugi (ricetta di ravioli senza pasta che vi darò domani) invece alla mia Patrizina piacciono tmoltissimo!...tanto Lei stasera va a giocare a carte...così oggi faccio le Crespelle per tutti e 3 e stasera io e la mia bambina , si mangia da sole , ma si mangia bene!"

Non gli diceva: "Sì, Orazio volentieri!"...faceva un giro lungo ...ve l'ho già detto che voleva sempre farsi desiderare...anche con il mangiare ah ah ah

CRESPELLE ALLA FORENTINA
3 uova
300 gr di spinaci lessati
200 di ricotta di mucca
100 gr di farina
mezzo bicchiere di latte
sale, noce moscata
passata di pomodoro
una tazza di besciamella



Strizzare bene gli spinaci, e tritarli, scolare l'acqua alla ricotta, mescolare con gli spinaci, aggiungendo sale, noce moscata, pepe.
Far riposare il composto, intanto preparare un impasto liscissimo, mescolando le uova con la farina, il latte ed un pizzico di sale.
Prendere una padellina bassa, passarci velocemente il burro e quando sarà bella calda, mettere un romaiolo del composto (a me le crespelle piacciono piccole ma la vera crespella alla fiorentina andrebbe fatta in una padellina più grande con 2 romaioli di composto).
Far in modo che la padellina sia ricoperta uniformemente dal composto, ed aiutandovi con uno stecchino per vedere se si stacca bene, appena è cotta da una parte rigirare e far dorare anche dall'altra.
Appoggiare la crespella su un piatto e continuare a farle con il rimanente composto.


Quando le crespelle saranno pronte, riempirle con l'impasto di ricotta e spinaci, imburrare una teglia da forno, mettere le crespelle preparate, mettere la besciamella sopra, ma non troppa, e ricoprire la parte centrale con pomarola, spolveratina parmigiano, grattatina di noce moscata a piacere ed inforno a 180g x15 minuti.

La nonna amava precisare che le crespelle sono della cucina fiorentina, non francese come vorrebbero farci credere... è stata Caterina de' Medici che ha portato in Francia tante ricette fiorentine, e loro ce le hanno rubate...ovvìa !!!!!!

lunedì 22 maggio 2017

MEDAGLIONI DI MELANZANE AL FORNO

Troppo buona e veloce questa ricetta di melanzane ripiene al forno per non provarla al più presto!



MEDAGLIONI DI MELANZANE AL FORNO


Ingredienti:
X 3 persone
1 melanzana lunga
4 fette di prosciutto cotto
1 mozzarella (io usato la burrata, ma va bene anche fiordilatte)
1 uovo
pangrattato qb.
Sale
Olio


Lavare la melanzana e farla fette di circa 1 cm
Preparare una teglia da forno con carta forno
Sbattere un uovo in una scodella e mettere del pangrattato in un altra.
Passare una fetta di melanzana, prima nell'uovo sbattuto, poi nel pangrattato e porre ogni fetta nella teglia.
Le fette devono esssere di numero pari.



Porre del prosciutto cotto e la mozzarella e fette , su metà delle melanzane che avrete preparato.



 Ricoprire con l'altra melanzana, salare e condire con un filo di olio.




Mettere in forno a 180 gradi ventilato fino a doratura.





Può essere un piatto unico , se accompagnato da una bella insalatina
Buon appetito dalla vostra nonna Pat❤

domenica 21 maggio 2017

Vi racconto la mia avventura a TV 2000

Quando è arrivata la mail che mi invitava a partecipare alla trasmissione :
"SIAMO NOI"a TV 2000, pensavo che fosse uno scherzo e non ho risposto subito.
Ne ho parlato con mio marito e mia figlia che mi hanno  incitata ad andare, ma ero ancora molto incerta, avevo paura di emozionarmi troppo.
Mentre ci stavo riflettendo, è arrivata la telefonata che mi invitava a voce,ripetendomi che mi avevano trovata sul blog, avevano letto i miei racconti e che la puntata aveva altri ospiti ed il mio intervento sarebbe stato graditissimo.
Hanno anche detto che se volevo mi avrebbero fatto venire a prendere, ma io ho risposto che senza mio marito, non vado da nessuna parte.
Così hanno detto che sarebbero stati contentissimi di farlo partecipare tra il pubblico.
Ho accettato molto volentieri e lunedì 8 Maggio Festa della Madonna ...ero a TV 2000 con un ora di anticipo !
Ci hanno accolto molto gentilmente ,dandoci un pass ed accompagnandoci in una sala dove c'erano già altri partecipanti a trasmissioni precedenti e successive alla mia.
Mi sono sentita subito a mio agio e non mi è preso la paura neppure quando nel grande schermo, vedevo apparire persone che in precedenza erano sedute accanto a me e che adesso facevano il loro intervento.

Chiara,la ragazza con cui avevo avuto il contatto telefonico, è venuta a salutarmi, chiedendomi altre informazioni e spiegandomi cosa dovevo fare!
Dopo di lei , mi ha spiegato, sarebbe venuta una ragazza per accompagnarmi al trucco.Mentre aspettavo e guardavo in Tv come stavano andando gli altri , ho conosciuto gli altri 3 invitati e li ho pensato , chissà se me la cavo ah ah
Un giovane sacerdote di Roma, un esperto di cinema, una professoressa della Cattolica di Milano....ed io !
Mi sono presentata ed ho chiesto loro come potevo cavarmela io che sono una nonna cantastorie improvvisata, che scrivo come parlo, che al cinema vado poco , che ci facevo io li con tutti quelli esperti del settore.
Loro mi hanno assicurato, che la mia storia era un documento importante da contrapporre alla realta di come vivono oggi i cinema parrocchiali, in confronto ai miei anni 50 !
Quando è arrivato il momento di andare al trucco, mi sono trovata accanto Tessa Gelisio, che stavano truccando per un suo intervento, nella stessa trasmissione, che andava in onda più tardi.
Le ho fatto i complimenti, ma sono rimasta solo pochi minuti, mi hanno detto che ero già truccata bene e mi hanno dato solo la cipria antilucido!
Ed eccoci al gran momento, ci hanno chiamato, fatto accomodare sulle proprie sedute, Bruno tra il pubblico, ma dietro di me .
Io che mi emoziono o mi commuovo, che ho il cuore in gola ad ogni occasione che non sia quotidiana, non so come mai, mi sentivo tranquilla come se fossi sempre stata seduta li



La conduttrice è molto sorridente ed affabile , il conduttore sembra più severo, ma molto ironico. Dopo le presentazioni, sono stata la prima ad essere interrogata e non vi dico che ridere dentro di me, quando ho visto sul grande schermo apparire la foto di me vestita da sposa con le mie nonne accanto!
Nonna Beppina e nonna  Olimpia, chi avrebbe mai pensato che sarebbero arrivate in Tv.....naturalmente anche qui, nonna Beppina ha rubato la scena come in tutti i miei racconti. Quella foto l'avevano presa dal blog, non me l'aspettavo, mi ha dato il buonumore e mi sono sentita così a mio agio, che se ci fosse stata la possibilità,avrei parlato a ruota libera tranquillamente per tutta la trasmissione.
Dopo che è finita, mi hanno ringraziato e fatto i complimenti!
Loro hanno ringraziato me, sono io che devo ringraziare loro, mi hanno fatto vivere un esperienza bellissima, mi hanno fatto entrare in un mondo che era per me e per la maggior parte della gente comune, un mondo sconosciuto irraggiungibile e mi hanno dato la possibilità di avere un ulteriore intervista il giorno dopo dalla nostra Tv Prato.
Avendomi vista a Tv 2000 , il giorno dopo mi hanno fatto un servizio al telegiornale, dopo essermi venuta ad intervistare in negozio.
Che dire ho vissuto 2 giorni da nonna blogger di quelle brave davvero. ...
Ho ricevuto i vostri complimenti affettuosi e quelli di tutta la mia famiglia anche da parte di chi fino ad ieri, non mi assecondava in questo mio percorso!

Grazie di cuore cara TV 2000, grazie di cuore anche a TVPRATO....
ESSERE FAMOSA PER 2 GIORNI......è stata veramente una bella storia!
Buona domenica , dalla vostra nonna Pat❤

sabato 20 maggio 2017

Panzanella croccante con pomodori e verdurine dell'orto!

Quando arriva la bella stagione questa ricetta da fare con il pane avanzato è perfetta, per mettere in tavola un piatto buonissimo che piace sempre a grandi e piccoli.



PANZANELLA CROCCANTE

Ingredienti:
Pane di almeno 2 giorni
Pomodori
Cipollina fresca
Sedano la parte tenera
Carota
Cetriolo
Basilico
Olio
Aceto
Sale e pepe
o Sale ed ed erbe di Provenza


Tagliare il pane prima a fette alte 1 cm, poi a quadretti
Passare i quadretti di pane in una padella antiaderente, leggermente unta, farlo arrosellire velocemente e deporlo in un piatto!

Intanto in una zuppiera mescolare tutte le verdurine, tagliate a pezzettini e condirle con olio, aceto, sale e pepe.

Aggiungere alle verdurine, preparate con olio ed aceto, i quadretti di pane arrostiti.
Fare insaporire bene e servire dopo qualche minuto, per far prendere tutti i profumi ed i sapori al pane, se necessario aggiungere un filo di olio, sale e basilico spezzettato semplicemente!

Buon appetito, dalla vostra nonna Pat❤

giovedì 18 maggio 2017

GALLINELLA AL FORNO E PENNE SULLA GALLINELLA

La Gallinella è un pesce che a noi piace tanto è molto saporita anche se si fa al vapore.
Oggi ho comprato una bella Gallinella, ho fatto fare due filetti, ho chiesto anche la testa e la lisca per fare il brodetto e con un unico pesce di circa 500 grammi è venuto un bel pranzetto....buono come al ristorante.



GALLINELLA AL FORNO E PENNE SULLA GALLINELLA





Ingredienti:
1 Gallinella da 500 grammi
Finocchi
Pomodorini
Aglio fresco
Scorza di limone
Sedano
Carota
Prezzemolo
Cipolla o scalogno
Sale , pepe
Vino bianco


Far pulire la gallinella ricavandone 2 bei filetti.
Con la testa e la lisca, preparare un brodetto, insieme a sedano carota, prezzemolo, cipolla,pomodorino, sale mezzo cucchiaio di vino bianco , se volete poca passata di pomodoro.



Intanto che bolle il brodetto, preparare una pirofila dove disporrete i finocchi tagliati a lamelle, poi il filetto di gallinella massaggiato con poco olio ed erbe di Provenza, i pomodorini e se vi piace aglio fresco e scorza di limone tagliata finemente ed un filo di olio su tutto.


Mettere in forno a 200 gradi, coperto con carta forno controllando la cottura di circa 15/20 minuti.

Intanto con l'altro filetto, prepariamo il sugo per la pasta.



In una padella mettere aglio o scalogno tagliato finemente,pomodorini a pezzetti, olio far insaporire poi aggiungere il filetto di gallinella tagliato a tocchetti, amalgamare con il sughetto ed aggiungere una spruzzata di vino bianco.

Far sfumare ed alla fine aggiungere peperoncino fresco ed una noce di burro.
(La noce di burro è facoltativa, ma se provate a metterla, darà un sapore delicato e legherà bene il sugo alla pasta)

Appena sarà pronto il brodetto, filtrarlo ed usarlo per cuocere la pasta.

Scolare la pasta e passare rapidamente nel sughino di gallinella , aggiungere prezzemolo tagliato finissimo e servire immediatamente.

Il brodetto una volta filtrato, lo potrete conservare in contenitori del ghiaccio e surgerarlo.Vi servirà ogni volta che vorrete dare più gusto alle pietanze con pesce.
Se poi avrete la pazienza di passare al passatutto anche le lische e la testa, i cubetti che congelerete, saranno dei veri dadi di pesce.

Buon appetito ,dalla vostra nonna Pat❤

martedì 16 maggio 2017

FINALMENTE È PASSATA ANCHE LA FESTA DELLA MAMMA

364 giorni l'anno a cercare di non pensarci ,poi inmancabilmente arriva!
Ogni anno arriva 'LA FESTA DELLA MAMMA'





Da quando c'è FB , poi è un invasione di post, foto, poesie, commenti, rimpianti ed anche pianti!

Di gioia da mamme come me ,che leggono i post affettuosi delle proprie figlie
Di figlie come me, che non hanno ancora dimenticato la propria madre
Di madri che non hanno avuto figli
Di madri che hanno figli che non si sono ricordati questa festa
Di figli che pubblicano foto di mamne in cielo con dediche bellissime
Di madri che i figli non li hanno più
Di figli che non sanno chi è la propria madre
Di madri che non sanno più dove sono i propri figli
Di madri che per figli hanno  bambini pelosi
Di figli che un anno fa fb ricorda loro il bellissimo post fatto per la propria madre, che non c'è più
Di madri che un anno fa ancora ricevevano gli auguri di un figlio che è volato in cielo

Tra tutta questa gioia e valle di lacrime di gioia e di tristezza che questo giorno invade Fb , ne godono a 360 gradi i fiorai e chi ha inventato i famosi cioccolatini che hanno dato il via a questa festa !

Che dire sarò sempre la solita polemica, ma se qualcuno farà una perizione per abolire questa festa, fatemelo sapere...io firmo subito!

Voi non ci crederete, ma quest'ansia mi prende sempre 2 giorni prima e mi continua per 2 giorni dopo...
Anche se ho la fortuna di avere una figlia, che ogni anno mi dedica post bellissimi, penso gia'che anche lei dovrà passare da questo periodo un giorno....e la Festa della mamma , continua a crearmi ansia anche mentre provo gioia....

Ci vuole uno psicologo , lo so!
Ma lui come i fiorai e quelli che vendono cioccolatini, vive grazie alle ansie di pazienti che vanno da lui a causa o per la mancanza di una mamma...

La mamma è sempre la mamma ed è veramente difficile sfuggire a lei ed al suo bellissimo , importantissimo e difficilisimo ruolo.

Un bacio dalla vostra nonna Pat❤




lunedì 15 maggio 2017

PETTI DI POLLO AL SESAMO

Se vi piace il petto di pollo , avete un infinità di modi di cucinarli.
Questa ricetta prevede il sesamo ...a noi è sembrata buona e delicata.



PETTI DI POLLO AL SESAMO E FIORI RIPIENI AL FORNO



Ingredienti:
Petti di pollo
Zucchini 
Sesamo
Mozzarella 
Sale pepe
Vino bianco
Olio






Prendete delle zucchine freschissime, che abbiano anche il fiore.
Togliere il fiore levar il picciolo interno e riempire con un pezzettino di mozzarella che avrete prima passata in sesamo sale e pepe e goccino di olio.
Disporre i fiori sulla teglia del forno, ricoperta di carta forno e mettere a cuocere a 200 gradi in forno caldo e ventilato per circa 15/20 minuti.

Intanto saltare velocemente le zucchine in padella con aglio olio sale e pepe.








Mentre i fiori e le zucchine stanno cuocendo, passate i petti di pollo in sale, pepe e sesamo e farli cuocere in olio caldo , rigirandoli appena sono coloriti e spruzzandoli di vino bianco, che farete sfumare dolcemente.

Disponete  pollo zucchine e fiori ripieni in un unico vassoio ed avrete così un ottimo, semplice , ma gustosissimo piatto unico!

Buon appetito dalla vostra nonna Pat❤

domenica 14 maggio 2017

Mia suocera : la Nonna Alba

Ho conosciuto mia suocera quando avevo 17 anni!
Bruno mi portava di nascosto a Prato perché come ricorderete mio padre non voleva che ancora ci fidanzassimo e ci fece stare 6 mesi sulla corda!
Quando mi vide per la prima volta, mi abbraccio'stretta, senza dire niente.
Aveva gli occhi lucidi, sapeva che non avevo la mamma e quell'abbraccio voleva dire tutto. Era una donna semplice, di una bontà infinita, io lo capii subito e pur non avendola mai considerata mamma, non l'ho neppure mai considerata suocera, ma amica.

Non era una donna di grandi effusioni, ma con me è sempre stata dolcissima e spontanea, cosa che a volte non riusciva ad esserlo con i propri figli, che pur amandoli teneramente, non ricopriva mai di molte attenzioni, cosa che da una suocera è veramente il top , per non creare contrasti e gelosie con generi e nuore.



In famiglia la consideravano tutti una donna mite e accondiscendente, perché accettava sempre la volontà degli altri, io l'ho sempre considerata una donna speciale, che in questo portare il "buon per la pace" si caricava di pesi sulla propria persona, per il grande amore che aveva per il "suo Mario", mio suocero!
La prima volta che l'ho conosciuto, mentre lei mi abbracciava stretta lui mi scrutava con i suoi occhi furbi ed indagatori.
Quegli occhi piccoli, mi mettevano all'inizio soggezione poi ho capito che era l'uomo più buono che abbia mai conosciuto e che gli stavo simpatica, e gli ho voluto moltissimo bene.

Appena sposati siamo andati a vivere con loro e ci sarei rimasta anche tutta la vita, se non avessimo dovuto traslocare per poter avere la licenza per Bruno di non fare il militare, che si otteneva solo se si abitava da soli ed avevamo un figlio.
Dopo vari anni però, siamo ritornati ad abitare accanto a loro, ci separava solo una porticina interna,perciò era come abitare insieme, con più libertà.
Tutte le sere quando tornavamo da negozio, mentre eravamo a cena, si sentiva un fischino che annunciava la sua visita o quella di mio suocero che ci venivano a trovare.
Molte mie amiche criticavano questa abitudine, io invece ero molto contenta.
C'era un tacido accordo, se qualche volta non gradivamo queste visite, chiudevamo la porticina a chiave e lei o noi sapevamo che era un momento di privacy, ma è capitato raramente, anzi 3 giorni la settimana veniva anche mio padre a fare la partita a carte con Bruno e con mio suocero, e la nostra casa, piena di nonni, era veramente viva !

So che devo a mia suocera la mia fede.
Non mi ha mai detto niente sapendo che venivo da una famiglia poco praticante e pur incitandoci ad andare alla Messa la domenica, non era mai troppo pressante .
Passava molto del suo tempo a dire il rosario, in silenzio accanto al suo Mario che ascoltava le partite con la radiolina o guardandole in televisione.
Non capivo da giovane, perché dicesse tanti rosari, ma con il temo ho capito che era il suo modo per proteggere i componenti della sua numerosa famiglia.
Sicuramente ne avrà detti tantissimi anche perché il Signore mi portasse la fede e per una serie di circostanze, ci e'riuscita  (come ricorderete nel racconto: "Oggi è il mio secondo compleanno" che potete trovare CLICCANDO QUI "

Non l'ho mai sentita dire male di qualcuno, credo fosse l'unica persona che abbia conosciuto, che trovava sempre lati buoni in ognuno, al punto che in casa la chiamavano scherzando "la sacerdotessa".

Non assomigliava a nessuna delle mie nonne, è stata molto amata dai nipoti, ma non si è mai molto occupata di loro, li aiutava però con i propri consigli e soprattutto con le sue preghiere.
Nessuno in casa faceva esami od affrontava impegni senza chiedere una preghierina alla nonna Alba e sembrava che fossero efficaci, perché questa abitudine è durata finché lei è vissuta ah ah ah!

Voleva bene a tutti, figli, nipoti nuore e genero, parenti compresi, ma il suo cuore, il suo amore grande era tutto per Mario mio suocero.
Piena di acciacchi, è vissuta solo per lui, per non lasciarlo, per vivere fino alla fine quell'amore enorme che aveva sempre nutrito per questo giovanotto allegro, bello, forte, dolce e rustico allo stesso modo, che l'ha amata tantissimo, pur continuando tutta la vita a chiamarla 'Ehi' oppure 'Oh'...al punto che quando la chiamava Alba, lei si scioglieva come se le avesse offerto una rosa!

Sono stati una coppia eccezionale, sono vissuti in simbiosi, infatti quando lei se ne è andata, lui l'ha seguita dopo pochi mesi...




È stata sempre un esempio di mitezza e bontà, a volte mio padre le chiedeva come faceva ad essere così buona, in casa nostra erano tutti "schizzati" eccetto la nonna Olimpia, che le assomigliava un po' e mio padre si stupiva.
Lei calma gli rispose  "Siamo tutti portati a far del male, ma abbiamo tutti  il dovere di fare del bene"
Lui rimase così colpito da questa frase, tanto che la scrisse in bella calligrafia e la incorniciò mettendola nel suo ufficio!

Pur non essendone consapevole, io che sono stata sempre molto attiva, ambiziosa, piena di volontà di fare, ho imparato tantissimo da lei che era tutto il mio opposto.
Quando una volta da giovane, mio figlio durante una discussione, mi disse che dovevo essere come la nonna Alba...mi offesi e mi chiesi perché dovevo porgere sempre l'altra guancia, come faceva lei, non avevo ancora realizzato che è molto più difficile porgere l'altra guancia che voler farsi sempre le proprie ragioni.
Oggi l'ho capito e vivo molto più serenamente!

Grazie Albina, per tutto quello che mi hai insegnato senza la presunzione di volerlo fare...sei sempre stata un' amica, ma oggi il mio pensiero per la Festa della Mamma va a te, che mi hai tenuto per mano anche quando non me ne accorgevo!

Buona Festa della Mamna , dalla vostra nonna Pat❤


giovedì 11 maggio 2017

CROSTATA DI CIOCCOLATA E NOCCIOLE

Se volete fare una crostata velocissima e buonissima questa CROSTATINA fa per voi!


CROSTATA DI CIOCCOLATA E NOCCIOLE



INGREDIENTI:
Per la frolla
150 farina
150 zucchero
1 uovo
65 grammi di burro
Scorza grattugiata di mezzo limone

Per la farcitura:
Crema di cioccolato Novi
o Nutella
Nocciole qb
Zucchero a velo a piacere


Con gli ingredienti elencati sopra ,fare una palla di pasta frolla e farla riposare in frigo per 30 minuti
Appena pronta,mettere della carta forno leggermente inumidita per modellarla meglio ,in una teglia di 24 cm.Stendere la pasta frolla con le mani,senza stendere con matterello,verrà benissimo!
Riempire di Crema di cioccolato Novi .



Per fare più velocemente invece di fare le striscioline con un po' di pasta frolla tenuta a parte,fare delle lune o cuori con le formine e decorare la torta,cospargere di nocciole e mettere in forno caldo,ventilato a 180 gradi per circa 20 minuti!


Servire tiepida,se volete potrete anche spolverizzare con zucchero a velo,noi la preferiamo semplice...
Si sente meglio il cioccolato!
Buon dessert,dalla vostra nonna Pat❤

domenica 7 maggio 2017

Vacanzina mordi e fuggi di 36 ore!

Quando capita di avere 2 giorni di chiusura del negozio, a noi sembra di poter fare mille cose.
Tutti in genere non lavorano 2 giorni a settimana, ma nel commercio ormai è un sogno.
Così domenica 30 aprile e lunedi primo maggio, è stata la nostra vacanza da tempo aspettata.
Abbiamo deciso di partire senza prenotare, direzione costa Azzurra!



In vista del cartello di Nizza, ho chiesto a mio marito se ci fermavamo lì, ma lui ha detto che era troppo presto per fermarsi e cosi anche a Cannes.


Eravamo partiti alle 6, perciò aveva ragione potevamo anche andare verso SaintTropez, ho pensato.
C'era un sole bellissimo ed io già mi vedevo straiata a godermelo tutto.
Arrivati vicino a Saint Tropez, ha detto che non era il caso di fermarsi , troppa confusione sicuramente!


Intanto il tempo cominciava a rannuvolare e più ci allontanavamo, più era grigio.
"Non ti preoccupare , poi si riapre"diceva lui.
Io invece cominciavo a pensare che non avremmo fatto il mare.
"Allora andiamo ad Aix en Provance"città che io adoro, ho detto.
Ma quando ha passato anche l'uscita per Aix, ho capito che in testa aveva solo



La CAMARGUE....lui è fissato per la Camargue, piace molto anche a me , in questi giorni poi senza gente, ma adoro il sole ed il caldo ed il cielo era nerissimo.
Siamo arrivati ed abbiamo trovato un tempo da lupi.
Per fortuna avevo anche sciarpa e cappello di lana in macchina, oltre bikini e cappello di paglia, sono molto previdente ed ho fatto bene , conoscendo mio marito ah ah. Abbiamo trovato il tempo peggiore che potessimo immaginare, tempesta di sabbia, il Mistral che soffiava in un modo mai visto prima, un freddo polare!




Tutti pubblicavano su Fb le loro foto in barca , in bikini, scollate , sbracciate ed io vestita da polo nord! Non mi sono arrabbiata, lui era così contento di aver trovato quel tempo da lupi camarguese di cui aveva sempre sentito parlare, ma che durante i tantissimi soggiorno fatti non avevamo mai visto.


Siamo andati nel nostro albergo preferito, dove ci hanno detto che non avevano mai visto un tempo cosi, in questo periodo.
Siamo andati nel nostro ristorante preferito che è anche il nostro bagno, dove con i 3 consueti baci francesi ,ci hanno accolto a braccia aperte ed abbiamo mangiato divinamente pranzo e cena.


Soup de poisson


Tourteau o granciporro....meraviglioso!

Maigret de Canard (petto d'anatra alla piastra)


Seppia alla provenzale

Seppie alla piastra  io e cotolette di agnello lui
Tiramisù con cialda al caramello
Tutti piatti fotografati sono del Ristorante Farniente 



Siamo stati veramente bene, anche se la mattina dopo abbiamo deciso di tornare via, per la paura di ammalarsi...tutti avevano tosse, io schivavo le persone come mio solito quando mi accorgo che in giro ci sono bacilli,lui era già contento perché aveva mangiato il suo adorato granchio, come solo li ci piace mangiare.
Prima di partire una visita alla nostra adorata chiesa di SaintMarie de la Mer!


In pratica abbiamo fatto 7 ore andata e 7 ore ritorno per mangiare i nostri piatti preferiti e scoprire come il Mistral se infuriato può cambiare l'aspetto del nostro buen ritiro, ma anche se è stata una sfacchinata, ora posso dire che ci siamo proprio divertiti.



Nostra figlia era preoccupatissima, che 2 vecchini come noi facessero in 36 ore questo anda e rianda...a nostro figlio non lo avevamo detto, sicuramente avrebbe scosso la testa e si sarebbe messo le mani nei capelli...
Loro ci vedono vecchi e sperano sempre sia l'ultima volta che facciamo queste bravate ah ah
Noi non possiamo rassicurarli e fare false promesse, anche perché non glielo avevamo detto ,ma se fosse stato tempo bello, avevamo programmato di stare 2 giorni in più ed andare a Barcellona ah ah
Qualcuno ci ha definito degli avventurieri e forse non aveva tutti i torti !!!
Buona domenica, dalla vostra nonba Pat❤

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...